Viterbo – Arena Game Over. Diciannove firme dal notaio Fortini con tanto di panettone per salutare i traditori di Forza Italia

Alla fine è mancata la firma di Sergio Insogna anche se ininfluente. Adesso Romoli e i suoi possono sventolare al vento le loro bandiere. Primo firmatario Stefano Caporossi

VITERBO – Giovanni Arena Game Over. Diciannove firme apposte dal notaio Fortini hanno messo fine alla pagliacciata di Forza Italia che ha voluto stravolgere gli equilibri, già precari nel centrodestra, imponendo Alessandro Romoli alla provincia supportato dal Partito Democrati, M5S e LEU.

Oggi pomeriggio l’ultimo ridicolo tentativo dell’ormai ex sindaco di ricucire. Con la scusa del sale aveva rinominato la giunta da dimissionario. Ormai alle pagliacciate non ci fanno più caso. Alla chitichella, dalle 19 di oggi, il centrodestra, le anime delle liste civiche e la parte centrale del Partito Democratico hanno apposto una firma storica. Cancellati trent’anni di Arena, Marini e Battistoni. Fine di Forza Italia. Adesso tocca al commissario e la prossima primavera si torna alle urne.

Forza Italia non farà parte del prossimo progetto politico che a primavera porterà al voto per il rinnovo del consiglio comunale.

Lo sgarbo fatto al centrodestra, a Fratelli d’Italia e Lega, questa volta non ha trovato ostacoli e la cacciata di Arena è stata inevitabile. Solo, a Palazzo dei Priori, in compagnia di Antonella Sberna sembrava disorientato.

Una luce laser di colore verde illuminava una parte del palazzo con la scritta CIAONE…

Questa volta per i traditori, poltronari, doppiogiochisti non c’è stato scampo. Palazzo dei Priori è stato liberato. Adesso sì che si può festeggiare il Natale in Santa Pace.

Il 23 sarà una data che ricorderanno a lungo. Inutili i tentativi di Antonio Tajani di far recedere gli ex alleati dalle loro intenzioni.

Mancava la telefonata di Papa Francesco poi l’hanno provate davvero tutte.

One Reply to “Viterbo – Arena Game Over. Diciannove firme dal notaio Fortini con tanto di panettone per salutare i traditori di Forza Italia”

  1. Uscita di scena inevitabile. Un burattino , il giullare Arena, a cui i tanti burattinai hanno tagliato i fili. Il pupazzo ha finito (per ora) la sua catastrofica esperienza.
    Cala il sipario su una pagina buia di democrazia zoppa. Ora una ventata di freschezza. Una rivoluzione arancione. Uno squarcio di luce in un buio profondo: di idee, di uomini, di progetti.
    Dopo questi inciuci di palazzo , frutto di un idea marcia di politica, speriamo che i viterbesi, la parte ancora sana presente, capiscano l’importanza di assegnare l’amministrazione di questa città a chi fa della politica uno strumento , non di beghe partitiche ma di interesse collettivo , teso al bene della città e di chi vi abita.
    FORZA CHIARA FRONTINI E FORZA VITERBO 2020.
    Il tempo è scaduto. Ora o mai più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *