Tarquinia – Troppi contagi e nuove misure anti Covid: vietati concerti, eventi, feste o altre manifestazioni nei luoghi pubblici all’aperto

Il sindaco di Tarquinia Alessandro Giulivi ha firmato una nuova ordinanza per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica. Salta anche quest’anno il Presepe vivente a causa della trasmissibilità estrema della nuova variante del virus

TARQUINIA -La crescita costante dei contagi da Covid 19 ha indotto il sindaco di Tarquinia Alessandro Giulivi ad emettere una nuova ordinanza, la n 36 del 27 dicembre, che dispone come “nei luoghi pubblici all’aperto è fatto divieto di svolgimento di concerti, eventi, feste comunque denominate o altre manifestazioni, comprese quelle del “Presepe Vivente” e “Corri per la Befana”, che possano dar luogo a situazioni di assembramento o affollamento”.

Il sindaco, si legge nell’ordinanza, ha introdotto ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid 19 in considerazione dell’evolversi della situazione epidemiologica che «continua a destare preoccupazione, con un aumento esponenziale di contagi che richiede interventi atti a rallentare il diffondersi della pandemia, anche con misure straordinarie ulteriori rispetto a quelle già previste dalle attuali norme vigenti e in considerazione del fatto che nella sola giornata di domenica 26 sono stati individuati 41 casi di positività nel comune di Tarquinia, che vanno ad aggiungersi agli alti numeri dei giorni precedenti, confermando che si è in presenza di un costante e progressivo aumento dei contagi anche nella città etrusca».

Il sindaco nel documento inoltre ordina, con decorrenza immediata e fino a diversa disposizione, la sospensione di recite, saggi, competizioni musicali, sportive e scolastici già programmati durante le festività natalizie e di fine anno. La sospensione riguarda anche le attività che si svolgono in sale da ballo, discoteche e locali assimilati.

 

delibera natalizia

 

Il documento inoltre prevede che solamente a coloro che sono in possesso di “super green pass”, definito anche “green pass rafforzato” e sono muniti di mascherina FFP2, sarà consentito l’accesso alla piscina, alle palestre ed alle attività sportive di squadra; l’accesso ai locali per il consumo di cibi e bevande nonché ai servizi di ristorazione al banco, al chiuso e all’aperto; l’accesso ai mezzi del trasporto pubblico locale; l’accesso al Teatro Comunale “Rossella Falk”; l’accesso ai musei e ad eventuali mostre; l’accesso a corsi di formazione, artistici e di musica che si tengono nel territorio comunale; l’accesso, in veste di visitatori, alle strutture residenziali, socio-assistenziali e socio-sanitarie, qualora consentito dalla direzione; l’accesso ai centri di benessere ed estetici, anche se collocati all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso; l’accesso ai centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso; l’accesso agli uffici comunali da parte di utenti e visitatori.

L’obbligo di essere in possesso del super green pass, per poter accedere a tutte le strutture ed ai servizi elencati, non si applica ai soggetti di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale (art. 9-bis comma 3 del D.L.n. 52/2021).

Tutte le attività sportive all’aperto, anche individuali, dovranno inoltre essere svolte esclusivamente da soggetti in possesso di “super green pass”, definito anche “green pass rafforzato”.

Alla luce dell’ordinanza, sono pertanto cancellate le rievocazioni del Presepe vivente previste il 2 e il 6 gennaio 2022, come confermato dalla stessa associazione. “Prendiamo atto dell’evoluzione negativa della diffusione del virus e delle nuove disposizioni prese per contenere l’aumento dei contagi – afferma l’associazione Presepe Vivente di Tarquinia -. La manifestazione non si farà ed è rinviata al prossimo Natale”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *