Maxi-operazione ad Anzio e Nettuno, M5S: istituire una commissione d’accesso

Dovrà verificare su infiltrazioni mafiose nel tessuto politico-amministrativo

ROMA –  “Questa mattina c’è stata una maxi-operazione condotta dal comando provinciale di Roma, coordinata dalla magistratura, a cui va il nostro plauso,-  è quanto dichiarano i  deputati M5S Angela Salafia e Marco Bella e i consiglieri comunali M5S Alessio Guain e Rita Pollastrini – che ha portato all’arresto di 65 persone collegate alle ‘ndrine operanti tra Anzio e Nettuno. Le accuse vanno dal traffico internazionale di ingenti quantità di cocaina, fino allo sversamento illegale dei liquami. Come è tipico delle mafie, ci sarebbe stata da parte dei clan l’infiltrazione nei palazzi comunali e nelle industrie dell’economia legale. Coinvolti anche due carabinieri che, secondo le accuse, aiutavano i criminali.

Operazioni come questa, confermano ancora una volta la pericolosità della ‘ndrangheta e delle organizzazioni criminali nel Lazio.
Magistratura e forze dell’ordine non devono essere lasciate sole nella lotta contro i clan, la quale deve tornare una priorità dell’agenda politica di chi amministra oggi i nostri Comuni e del Governo stesso, tanto più con i soldi del Pnrr in arrivo dall’Europa. Su quei soldi, che spettano ai cittadini, i clan hanno messo gli occhi da tempo e vorrebbero mettere le mani.

Non ci si può più girare dall’altra parte. Per questo scriveremo al prefetto per valutare se ci sono i presupposti per istituire una commissione d’accesso per una verifica circa eventuali infiltrazioni mafiose nel tessuto politico-amministrativo. Richiesta di cui parliamo da tempo e che ci ha visti oggetto di derisioni e minacce.

Non c’è più tempo. La commissione venga istituita senza più indugi” concludono i politici.

I

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.