Civita Castellana, il Comune approva il progetto di gestione dei rifiuti

CIVITA CASTELLANA – La giunta comunale ha approvato il progetto di gestione del servizio di raccolta, trasporto e conferimento dei rifiuti urbani, spazzamento stradale e altri servizi accessori. Il principale obiettivo dell’attività dell’assessore all’Ambiente Massimiliano Carrisi, alla guida del settore da soli due mesi, è stato quello di far portare a compimento tale importante e fondamentale progettualità. “Ciò è stato possibile solo attraverso un confronto costante con il responsabile dell’Area IV, il quale, insieme all’ufficio da lui diretto, in modo incisivo e continuo ha monitorato e sollecitato la redazione e definizione degli elaborati tecnici – spiega Carrisi -. Come già riferito nella seduta di consiglio comunale del 28 febbraio scorso, la società cui era stato affidato l’incarico della progettazione aveva presentato una prima stesura dei documenti. In seguito tale documentazione è stata ripetutamente rivisitata dai tecnici al fine di completare in modo esauriente la progettazione di un servizio idoneo a soddisfare le esigenze della cittadinanza per il prossimo futuro”. “Nel particolare, per quanto riguarda il servizio di raccolta, attraverso una sua riorganizzazione, si è fissato l’obiettivo di raggiungere la percentuale dell’82% della raccolta differenziata – illustra -, che nel 2020 si è attestata al 74,34%. Sono stati inseriti ed ottimizzati alcuni servizi necessari per il territorio, dal centro storico ai quartieri residenziali e fino alle periferie, atti a risolvere la tematica della raccolta dei rifiuti e dell’annoso problema dell’abbandono, anche mediante l’utilizzo di nuovi sistemi, sempre però nel rispetto e nel perimetro Arera”. Una volta approvato il progetto il passo successivo, al fine di garantire l’espletamento del servizio, è stato quello della proroga dell’attuale per il periodo “necessario all’espletamento della procedura di gara e all’operatività della nuova aggiudicazione e comunque non oltre il 30 settembre 2022”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.