Viterbo – Monterazzano verso l’autorizzazione della nuova buca. Tre milioni di tonnellate di rifiuti romani in cinque anni

Nessuno dei candidati sindaco o presunti tali ha ancora detto cosa farà, una volta eletto, con la “cloaca romana”

VITERBO – Continua a grandi passi l’attività dei burocrati di palazzo per autorizzare l’ampliamento della discarica di Monterazzano.

Un nuovo invaso da 3 milioni di metri cubi. Una montagna grande come la piramide di Keope IN Editto distribuita e sviluppata, invece che in altezza, su una vasta superficie una volta usata per coltivare grano, fieno e pascolo.

Roma non riesce ad uscire dalla crisi eterna su dove smaltire i propri rifiuti. Ci pensa adesso Viterbo e ci penserà, probabilmente, per i prossimi cinque anni.

Tutto questo nell’assordante silenzio della politica nostrana.

Arena quando era sindaco fu molto contento di aiutare i “romani”. In passato lo sono stati un po’ tutti. Del resto Manlio Cerroni è uno molto benvoluto da queste parti. Chissà perché! Sono anni che riempie la Tuscia di rifiuti provenienti da tutta la regione.

 

 

Nei giorni scorsi l’Arpa è andata sul posto per fare le verifiche di routine ai percolati ma, soprattutto, per redigere una relazione in grado di stabilire se procedere o meno con l’ampliamento.

Ovviamente si procederà. Ci mancherebbe altro. Del resto il territorio ha avuto la fortuna di avere in regione dirigenti come Flaminia Tosini che per il territorio si sono spesi davvero tanto (siamo ironici, ndr).

A Viterbo sono spariti i Verdi, Ambientalisti e tutti quelli che hanno deciso di lasciare in eredità ai propri figli montagne di veleno proveniente soprattutto da Roma dove, la differenziata, è una parola che tutti usano ma nessuno applica.

Manlio Cerroni è arrivato multimiliardario (nel senso vero del termine) alla veneranda età di 95 anni e ancora se la comanda. Monopolista del settore è passato indenne per generazioni riempiendo la regione lazio di monnezza un po’ ovunque.

Viterbo da Città dei Papi e diventata città della MONNEZZA. A giugno si vota ma i futuri sindaci sono impegnati a comporre le liste non a parlare di programmi. Soprattutto meglio non parlare di chi, alla fine dell’anno, grazie alle migliaia di tonnellate di rifiuti accolti paga al Comune di Viterbo cifre importanti per far quadrare il bilancio.

Monterazzano è diventata l’isola dei gabbiani. Se volete fare delle foto di questi splendidi animali marini li potete trovare di tutte le dimensioni in discarica. Sono centinaia. Migliaia.

One Reply to “Viterbo – Monterazzano verso l’autorizzazione della nuova buca. Tre milioni di tonnellate di rifiuti romani in cinque anni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *