Civitavecchia – Ecologia Viterbo vince al Tar Lazio, il Comune dovrà sborsare 1,6 milioni di euro in più per i rifiuti a Casale Bussi

CIVITAVECCHIA – Il Comune di Civitavecchia dovrà sborsare a Ecologia Viterbo “Una somma non inferiore a un milione e seicento mila euro”.

A tanto ammonta la cifra stabilita dal Tribunale amministrativo regionale del Lazio che ha rigettato il ricorso presentato dall’ente, ora guidato dal sindaco Ernesto Tedesco, contro il provvedimento con cui la direzione Politiche ambientali e ciclo dei rifiuti della Regione ha determinato la tariffa di accesso all’impianto di Casale Bussi.

Il contenzioso è del 2014 e alla guida dell’ente c’era il commissario prefettizio.

Il Comune di Civitavecchia ha chiesto alla società che gestisce nel capoluogo l’impianto di trattamento meccanico-biologico e la discarica in località “Le Fornaci”, la disponibilità a effettuare il servizio di pre-trattamento dei rifiuti solidi urbani per circa 80 tonnellate al giorno.

Ecologia Viterbo ha accettato, comunicando il prezzo da pagare: 67,15 euro a tonnellata più oneri vari. dicembre del 2015, poi, a seguito del sopravvenuto esaurimento di un’altra discarica sino ad allora utilizzata, Civitavecchia chiede di allargare il servizio, comprendendo anche “il conferimento dei rifiuti residui di lavorazioni”, frutto del processo di trattamento meccanico-biologico. Invece di tornare a Civitavecchia, l’immondizia sarebbe rimasta nel capoluogo della Tuscia.

Ecologia Viterbo, ottenuto l’assenso della Regione a partire dal secondo semestre 2016, ha accettato e la somma da corrispondere, da ridotta è diventata intera, per un totale di 82,4 euro a tonnellata.

La Regione Lazio, nel settembre del 2018, ha rivisto la tariffa di ingresso all’impianto di Casale Bussi aumentandola a 98,23 euro con decorrenza dal gennaio 2009.

Un aumento retroattivo di circa 16 euro a tonnellata da applicare sulla quantità di rifiuti conferiti da tutti i Comuni che si servono di Ecologia Viterbo. Civitavecchia, sino all’agosto del 2018 ha conferito 102,379 tonnellate. A monte della rivisitazione tariffaria, come esplicitano i giudici del Tar, “l’attuazione del giudicato relativo a pregressi procedimenti giurisdizionali”.

Sicuramente il Comune di Civitavecchia ricorrerà al Consiglio di Stato ma la sentenza del TAR Lazio che riportiamo qui sotto integralmente lascia poche speranze di successo:

 

sentenza ecologia viterbo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.