Calcio – Dopo l’ispezione INPS alla Viterbese Calcio elevato un verbale da 430mila euro

Altra brutta tegola per la già disastrata società del presidente Arturo Romano. Indennità di trasferta non dovute e mancati versamenti dei contributi previdenziali

VITERBO – Salvare la US Viterbese Calcio dall’ennesimo fallimento sarà impresa assai ardua. Il presidente Arturo Romano è alle prese con la cessione della società, così almeno qualcuno scrive.

Il problema che pochi conoscono i bilanci reali, tenuti ben nascosti e con un monte stipendi per la prossima stagione troppo poderoso per chiunque, anche se ben intenzionato, disposto a subentrare al presidente di Federsicurezza Italia.

Mentre le voci sui debiti e sugli accertamenti dell’Agenzia delle Entrare si rincorrono ecco che le prime carte iniziato a volteggiare sulla città.

La prima brutta notizia riguarda l’INPS di Viterbo che ha chiuso l’accertamento per gli anni 2016-2022.

L’accertamento è stato effettuato nella sede di via della Palazzina con la collaborazione della dipendente Fabrizia Gigli.

Gli ispettori operanti, Vincenzo Capitanata, Anna Branci e Massimiliano Turella hanno trasmesso poi gli esiti finali del controllo. Arturo Romano dovrà sborsare oltre 430mila euro di oneri contributivi e indennità non regolari.

L’accertamento ha riguardato solo ed esclusivamente la regolarità degli adempimenti contributivi, esclusivamente per i profili lavoristici, previdenziali ed assicurativi.

Ovviamente l’esito finale dell’accertamento non preclude la possibilità di riscontrare eventuali inadempimenti che potrebbero emergere dopo l’acquisizione documentale effettuata.

L’ispezione è iniziata il 19 ottobre dello scorso anno con la chiusura del verbale interlocutorio notificato a marzo di quest’anno.

La Viterbese ha poi fornito una prima risposta alle contestazioni dove però mancavano le deroghe federali per l’utilizzo e il conseguente versamento nel Fondo Pensione Sportivi Professionisti per i lavoratori aventi qualifica di “allenatori di base”.

Nel verbale c’è un lungo elenco di nomi tra allenatori, giocatori e addetti la cui posizione contributiva non è risultata regolare.

In particolar modo la contestazione è sorta sull’indennità di trasferta che veniva riconosciuta ad ogni singolo soggetto.

Mentre nel periodo della presidenza Camilli la giustificazione dell’indennità di trasferta ha trovato risposta nel fatto che i campi di allenamento erano a Grotte di Castro per l’attuale Arturo Romano giustificare l’indennità di trasferta Viterbo su Viterbo è impresa assai ardua.

In alcuni casi, ad esempio in quello di Alessandro Conticchio e Alessandro Manni, per il mese di maggio 2021 ha versato una contribuzione su un imponibile inferiore a quello reale.

Riscontrato anche il mancato assoggettamento al contributo di solidarietà.

L’errato inquadramento al Fondo Sortivi Professionisti.

L’omessa comunicazione al Centro per l’impiego delle prestazioni di lavoro autonomo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *