Viterbo, Chiara Frontini lancia un “vaffa” a Tusciaweb. “Sì al confronto, ma non con Galeotti”

VITERBO – Lettera aperta della candidata a sindaco Chiara Frontini, in merito all’anomalo invito ad un confronto pubblico con la competitor e dem Alessandra Troncarelli, senza garanzia di imparzialità, al direttore della testata telematica Tusciaweb.

Carissimo Direttore Carlo Galeotti,
La presente per comunicarle che il giorno 19 Giugno alle ore 21 è già previsto un dibattito pubblico, al quale ho dato la mia adesione ben prima di venire a conoscenza, attraverso la sua testata Tusciaweb, di questa seconda proposta di confronto con l’altra candidata sindaco.
Sono abituata a tenere fede agli impegni presi, quindi lo farò anche questa volta, presentandomi al dibattito a Piazza Unità d’Italia organizzato da Giulio Della Rocca al quale ho dato per primo la mia disponibilità a partecipare.
Senza soffermarmi sui modi con i quali mi è stato rivolto l’invito, che ha la forma (quantomeno inusuale) della “convocazione a rapporto” di candidati sindaco della città come se fossero due lustrascarpe della testata, rappresento che sono sempre disponibile a confronti pubblici. Essi sono il sale della democrazia e, soprattutto, permettono di far emergere le differenze tra le proposte in campo.
Tuttavia, tali confronti sono utili ai cittadini per formarsi un’opinione esclusivamente quando viene garantita la par condicio fra i candidati e il dibattito è condotto da un moderatore credibile ed imparziale, quale lei ha palesemente dimostrato di non essere in queste settimane, proponendo con ammirevole pervicacia una linea editoriale mistificatoria e faziosa.
Un cordiale saluto e un augurio sincero di buona campagna elettorale,
Chiara Frontini
Candidata Sindaco Patto Civico

One Reply to “Viterbo, Chiara Frontini lancia un “vaffa” a Tusciaweb. “Sì al confronto, ma non con Galeotti””

  1. Concordo pienamente!! La gestione privata e di parte di Tusciaweb è più che evidente, con campagne mediatiche denigratorie o assolutorie sempre secondo l’umore o l’interesse personale del momento del direttore Galeotti il quale farebbe bene a rileggere molto attentamente il codice deontologico e magari ad orientarsi su altra professione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.