Stella Carni Viterbo Baseball Under 12 sfiora il successo con Academy Nettuno

VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo – Questa la formazione viterbese: Cabrera Roniel– ricevitore, Pietrini Samuele – lanciatore, Morelli Valeria – esterno sinistro, Mastrocola Giorgia –esterno centro, Torri Daniele – interbase, Morelli Leonardo – terza base, Mazza Vittorio – prima base, Porta Simone (Raduly Aron, Pepe Davide) – esterno destro, Faccenda Thomas (Troili Andrea) – seconda base.
Il Nettuno inizia subito forte segnando 3 punti ma la Stella Carni Viterbo risponde altrettanto forte ma con 4 punti.
Il nuovo attacco nettunese frutta un altro punto ma il Viterbo Baseball non si fa trovare impreparato e porta a casa base altri 3 punti. Il secondo inning finisce quindi 7 a 4 per il Viterbo quando esce il lanciatore Pietrini per raggiunto limite di lanci sostituito da Cabrera nel terzo inning: la difesa viterbese limita i danni a due punti ma non riesce a segnare, il terzo inning finisce con il Viterbo ancora in vantaggio per 7 a 6.
Il quarto inning porta 4 punti al Nettuno e solo 3 al Viterbo con i primi tre del roster eliminati al piatto; a questo punto il Nettuno passa in vantaggio per 10 a 9. Il Nettuno fa altri 4 punti nell’ultimo inning, e il Viterbo, con la valida di Torri e la sua magica mazza, non riesce più ad agganciare la vittoria e la partita termina 14 a 13.
Note positive sono una squadra sempre attenta, nonostante l’assenza di Gianmarco Stavagna, con quattro eliminati nettunesi sulla corsia di casa base che da una parte indicano l’aggressività del gioco nettunese e dall’altra l’attenzione con la quale giocano i ragazzi di Quatrini e Morini.
Come ovvio in una squadra nuovissima si sono alternati sulla pedana di lancio vari lanciatori, dapprima Pietrini, presto rilevato da Cabrera, poi sostituito sul finale da Torri e infine da Mazza Vittorio: tutti hanno dato il meglio concedendo però troppe basi su ball. Dietro alla maschera del ricevitore chiamavano il gioco prima Cabrera, poi Pietrini e infine Morelli Leonardo.
È un peccato che questa squadra nuovissima, ma anche desiderosa di vincere, abbia dovuto cedere nel finale il passo alla blasonata Academy.
Chapeau!
Livio Quatrini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.