Orbetello invasa dai moscerini, ristoranti chiusi alle 21. L’allarme di turisti e cittadini: “Impossibile passeggiare o cenare all’aperto”

Orbetello è sotto l’assedio di moscerini. Ad agosto i turisti, soprattutto romani, affollano l’Argentario, il piccolo comune toscano che sorge al centro della laguna, è invaso dai piccolissimi insetti. E c’è il rischio che l’invasione arrivi anche al Sud e interessi la Capitale.

Un disastro per chi abita lì ma anche per i numerosi vacanzieri che hanno scelto la costa toscana per trascorrere le vacanze. I tentativi di disinfestazione non sono bastati.

“Da quasi un mese è impossibile passeggiare lungo laguna completamente infestata dai moscerini. Ora è diventato impossibile anche cenare o fare un aperitivo all’aperto. Ieri la situazione è arrivata all’estremo tanto che molti negozi e ristoranti sono stati costretti a chiudere intorno alle 21, Orbetello era completamente invasa”, racconta un romano che da anni vive ad Orbetello. Non era mai successo prima.

Per gli esperti a determinare l’invasione degli insetti sono state le condizioni della laguna: le alte temperature hanno ridotto la presenza dei loro predatori naturali, gli insettivori come pipistrelli, rane, vari uccelli e formiche. Uno sconvolgimento della fauna che ha spianato la strada al loro dilagare.

In consiglio comunale di Orbetello il caso è diventato il problema del giorno e la lista Alternativa Orbetello ha presentato un’interpellanza, chiedendo conto alla Giunta sul perché non sia stata effettuata una disinfestazione preventiva.

Secondo gli esperti ad attirarli sarebbero stati il caldo e l’umidità registrati in questi giorni, oltre alla riduzione della popolazione degli animali loro antagonisti naturali.

Molti comuni stanno già correndo ai ripari per salvarsi da questa invasione. Per caratteristiche ambientali e climatiche, Roma potrebbe essere una delle città a rischio. Alta temperatura, caldo umido, presenza di fiumi, laghi e laghetti naturali compongono l’habitat considerato ideale per la proliferazione e diffusione dei moscerini. L’assessorato all’Ambiente della Regione Lazio tiene alta la soglia di attenzione, ma non ha ancora un piano da comunicare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.