Telline, nocciole, amatriciana e porchetta: tornano le sagre in giro per il Lazio. Gli appuntamenti da non perdere

Domani inizia il DiVino Etrusco a Tarquinia

ROMA – Appuntamenti gourmet e serate musicali come colonne sonore. Ecco l’estate laziale che arriva nelle piazze e mette al centro i sapori della regione. Per chi passa ancora qualche giorno in città sono tante le sagre simbolo di una tradizione molto radicata nei territori e apprezzata dagli avventori. In alcuni casi si arriva ad edizioni numero 50 o 60, a testimonianza di un passato gastronomico prezioso, esportato nel mondo e sempre più attuale.

Finger food, ma anche tavolate, concerti dal vivo, intrattenimento, danze: tanti gli eventi da non perdere per una coda estiva tutta da vivere all’aperto in un contesto social, ma davvero.

La Sagra di Canterano

“Strozzapreti pizzicati” sono il piatto forte di Canterano, con la sagra che unisce le il meglio delle tradizioni gastronomiche degli Appennini laziali e quelle musicali della Puglia. Lo stand gastronomico aprirà alle 19 tutte le sere fino al 21 agosto con la pasta fatta in casa con acqua e farina, solo a richiesta anche con condimento non piccante. Insieme con la pasta ci saranno salsicce e porchetta, patate arrosto e vino locale offerto dagli organizzatori.

La sagra delle Sagne

La sagra delle Sagne scende in campo il 20 e il 21 agosto a Scandriglia, in provincia di Rieti: l’appuntamento si svolge ogni anno dal 1986. Durante l’evento sarà possibile degustare specialità locali e altri prodotti tipici di Scandriglia e della Sabina. La colonna sonora delle serate è affidata alle orchestre spettacolo “Quelli che… con allegria” e “Colorado Band”.

La sagra della tellina

Ad Ostia dal 23 al 28 agosto c’è la Sagra della Tellina. Dopo lo stop dovuto alla pandemia, il Borghetto dei Pescatori ospiterà di nuovo una delle manifestazioni più amate e attese del litorale romano, dedicata al prelibato mollusco. Previsto anche uno stand dell’Associazione Italiana Celiachi.

“Rajche, radici in comune”

Nei giardini della Rocca dei Borgia di Subiaco il 27 e il 28 agosto ecco “Rajche, radici in comune” con la gastronomia tipica, ma anche la musica, l’arte e l’artigianato per un evento da nonperdere tra poesie e momenti di degustazione. Il 27 e il 28 agosto.

La sagra della nocciola

A Caprarola si fa spazio la nocciola. Dal 25 agosto al 1 settembre va in scena l’evento che vanta una lunga tradizione ed è uno dei più antichi d’Italia. La manifestazione ha infatti superato le sessanta edizioni, e rinnova il suo invito a scoprire e degustare la Nocciola DOP, sapientemente coltivata in questo territorio. Il programma spazia dalla musica all’enogastronomia, dallo spettacolo alla cultura, dallo sport alle tradizioni religiose.

La festa della birra

Tre serate da bere e tanta musica Fabrica di Roma con la festa della birra. L’evento si svolgerà a fine agosto in Piazza Madre Teresa di Calcutta allestita con stand, gazebo e ampio parcheggio.

La sagra degli spaghetti all’amatriciana

Dal 26 al 28 agosto si chiude con uno dei primi piatti più famosi al mondo: Amatrice festeggia la sua tradizione con la sagra degli spaghetti all’amatriciana. Saranno allestiti stand di degustazione di questa ricetta di origine laziale, ma conosciuta in tutto il mondo. Sarà presente anche uno stand con prodotti senza glutine.

La sagra della porchetta

Dal 2 al 4 settembre, ad Ariccia, torna la Sagra della Porchetta. Dopo due anni di stop a causa dell’emergenza Covid, quest’anno l’evento, che ha raggiunto la sua 70esima edizione, vede un programma ricco di eventi e di ospiti.

“Finalmente si riparte. – ha dichiarato il Sindaco Gianluca Staccoli – questa 70esima edizione è un vero e proprio traguardo. La città di Ariccia sta investendo molto sugli eventi culturali e gastronomici, cercando di favorire l’incontro intergenerazionale e soddisfare quante più richieste possibili. Abbiamo lavorato molto per creare una sinergia tra cittadinanza e attività commerciali, prime fra tutte le fraschette, proprio per far compiere ad Ariccia quello scatto in avanti che la porti a diventare un polo attrattivo che favorisca il turismo di prossimità, con uno sguardo al panorama nazionale e internazionale”.

DiVino Etrusco a Tarquinia

Un’estate viva, calda non solo dal punto di vista atmosferico ma anche da quello dell’entusiasmo, delle iniziative: Tarquinia si tuffa nella stagione del divertimento con una proposta ricca di appuntamenti e, soprattutto, di festival.

Se a riempire le serate di luglio saranno il ritorno di Fermento, festa della birra artigianale in programma dal 22 al 24 luglio, il Booper Fest, che dal 29 al 31 tufferà il centro storico nelle atmosfere vintage a ritmo di rockabilly, e l’Etruria Musica Festival finanziato grazie ad un contributo regionale, con concerti di musica classica e jazz al centro storico ed a Tarquinia Lido, l’evento più atteso resta il DiVino Etrusco, in calendario a fine agosto. Un evento ormai talmente affermato nell’ambiente da aver vissuto quest’anno la sua presentazione ufficiale nella cornice di Vinitaly.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.