Civitavecchia – All’alba presa la banda di ladri che saccheggiava negozi e bar (foto)

Sono due italiani del posto. Fermati con un furgone appena rubato pieno di refurtiva

CIVITAVECCHIA – La banda di ladri che ha fatto disperare per tutta l’estate titolari di negozi, bar e ristoranti è stata presa questa mattina all’alba.

Avevano rubato un furgone Mercedes carico di attrezzature di lavoro e avevano integrato il carico dopo aver saccheggiato alcuni chioschi e bar.

I servizi di controllo messi in atto da polizia e carabinieri ha dato però i suoi frutti. Sono stati fermati e durante i controlli hanno scoperto che il mezzo era stato rubato così come il carico frutto di attività illecite. Durante le perquisizioni domiciliari trovata altra refurtiva. I due, in stato di fermo, sono attualmente nel commissariato di polizia.

Uno di loro è abbastanza conosciuto in città in quanto gira in continuazione su uno skate. Al momento dell’arresto ha pure fatto lo spiritoso sfottendo una delle vittime dei suoi furti: “TRa poche ore sono nuovamente a casa”.

 

2 Replies to “Civitavecchia – All’alba presa la banda di ladri che saccheggiava negozi e bar (foto)

  1. Grazie alle forze dell’ordine ma tanto ruberanno ancora perché la legge li rimanda a casa quindi se non saranno loro ci saranno altri che rubano

  2. Civitavecchia stadiventando proprietà delle grandi famiglie malavitose, i casamonica ormai controllano non solo il DEM ma altre nuove strutture e personalmente da molto tempo vedo nuova gente di roma ke si vantano dei loro quartieri e qualcosa mi avverte ke vengono in gruppo il braccio e le menti come dire, io personalmente ho seguito dei tizi e ho trovato dove alloggiano e dove smistano la cocaina ma purtroppo non sono una guardia se no anke da solo avei fatto irruzione e vojo fare un appello alle guardie, è ora di girare imborghesi a piedi o in moto e controllare o seguire persone sospette al proprio istinto di pubblico ufficiale, e personalmente vedo ke la nostra città sta aprendo le porte a faccie nuove e arroganti. Questo è un brutto segnale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *