Consigli per viaggiare con animali al seguito

Gli italiani scelgono sempre più spesso di andare in vacanza con Fido e Micio. Chi valuta di non lasciare a casa l’amico a quattro zampe, organizza il viaggio prendendo tutta una serie di precauzioni, utili per evitare all’animale domestico stress e difficoltà.

La vacanza con cani, gatti, furetti e tanto altro ancora, può essere estremamente divertente, ma prima di partire è bene informarsi opportunamente, e capire se la struttura che ci ospiterà è in grado di accettare anche la permanenza di animali domestici in stanza, e nelle parti comuni. Importante anche valutare gli spostamenti per raggiungere la meta del soggiorno, e capire come far viaggiare il proprio animale, e su quali mezzi è consentito farlo salire senza obiezioni da parte del vettore.

I voli con cani a bordo ad esempio sono consentiti ormai da quasi tutte le compagnie aeree, a patto che si rispettino tutta una serie di regole. Per viaggiare gli animali domestici devono avere prima di tutto un regolare passaporto, rilasciato dal veterinario, dove sono disponibili tutte le informazioni sulle vaccinazioni effettuate, e sullo stato di salute dell’animale. È inoltre obbligatorio che l’animale domestico sia dotato di un sistema elettronico d’identificazione.

L’uso del trasportino per salire a bordo di aerei e treni

Di norma l’animale arriva a bordo nel trasportino. In aereo in una sola borsa possono viaggiare sino a 5 animali della stessa specie, per un peso massimo di 10 kg, trasportino compreso. Il trasportino è necessario anche per i cani che superano i 20 chilogrammi, ma il viaggio è consentito solo all’interno della stiva. I cani guida invece possono viaggiare a fianco del padrone.

Preferibile l’uso di un trasportino morbido, che possa essere collocato comodamente sotto il sedile, quanto alle dimensioni massime di norma si considerano 40 cm (lunghezza) – 24 cm (altezza) – 20 (larghezza).

La prenotazione per far salire un animale a bordo deve essere fatta con largo anticipo.

In treno gli animali di piccola taglia viaggiano nell’apposita gabbietta, quelli più grandi possono viaggiare liberi a patto che il proprietario si sia premurato di prenotare l’intero scompartimento.

Se il viaggio avviene in nave o traghetto, il cane può viaggiare liberamente se dotato di regolare museruola, mentre il gatto deve essere collocato nel trasportino. Se di piccola taglia l’animale può viaggiare in cabina con il padrone, altrimenti viene dirottato nei canili di bordo.

Come garantire a Fido e Micio un viaggio sicuro

Cani, gatti e furetti possono viaggiare in sicurezza, soprattutto considerando che è preferibile farli partire a digiuno, dando loro eventualmente una piccola porzione di cibo secco.

A fronte di un viaggio in auto è importante non sottoporli in maniera diretta alla luce del sole, utile sistemare un parasole che schermi i raggi. Meglio evitare di lasciarli soli in auto in occasione di una fermata e, per non farli soffrire, è preferibile bagnare ripetutamente il musetto per dare un senso di freschezza e sollievo.

Ogni paese ha obblighi sanitari diversi in fatto di animali, quindi è bene informarsi prima di partire per poter arrivare preparati, e rispettare appieno le regole.

Mare o montagna: come comportarsi con gli animali in base alla destinazione

Il luogo della vacanza è importante per valutare come far vivere agli animali il periodo di soggiorno.

In caso la meta sia il mare, è importante non esagerare sottoponendo l’animale a frequenti bagni di sole e mare, soprattutto nelle ore più calde. È preferibile portare il cane in spiaggia la sera e la mattina, a causa dei tempi della digestione, decisamente più lunghi di quelli di un essere umano. Per far vivere all’animale una vacanza serena è importante optare per un soggiorno a misura, grazie alla scelta di hotel, stabilimenti balneari attrezzati opportunamente anche per gli amici a quattro zampe.

La montagna è la scelta perfetta se si viaggia con il cane al seguito. Le temperature più fresche, il silenzio e la natura sono l’ideale per l’animale, che potrà seguirvi durante le escursioni. Dopo ogni uscita al ritorno controllate sempre il manto di Fido, per scoprire l’eventuale presenza di zecche, o erbe fastidiose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *