Il Casaletto di Grotte Santo Stefano fa il pieno di riconoscimenti. Premiati: cucina, pizza e vino

VITERBO –  Si definiscono “Osteria Agricola” per  quel senso di semplicità e immediatezza che si nasconde tra le parole, “Ci piace definirci così, ma va bene anche Agriristorante.  Quello che conta è il legame con la terra,  la nostra Tuscia, i suoi prodotti le radici culturali e gastronomiche che ci offre. Per questo la maggior parte delle materie prime provengono dalla nostra azienda o da produttori locali amici con cui condividiamo la cura del ciclo produttivo

Queste le parole dell’oste Marco Ceccobelli a nome della famiglia Ceccobelli e di tutto lo staff de Il Casaletto, di Grotte Santo Stefano, frazione viterbese, che ieri, in una giornata densa di impegni e soddisfazioni, ha potuto festeggiare la conferma di due importanti riconoscimenti: il premio Tre Gamberi della guida Ristoranti d’Italia 2023 del Gambero Rosso e la Chiocciola Osterie d’Italia 2023 di Slow Food. È di poco tempo fa anche la conferma dei Tre Spicchi della guida Pizzerie d’Italia 2023 del Gambero Rosso a sottolineare che nel progetto  di Marco Ceccobelli cucina e pizzeria  non sono mondi separati, ma intrecciati e tenuti insieme  da un’unica idea di cucina contadina. Ma non finisce qui, il premio Carta dei Vini assegnato al Milano Wine Week mette in evidenza l’attenzione dell’agriristorante Il Casaletto a tutti gli aspetti della ristorazione e dell’ospitalità.

La carta dei vini è frutto di una ricerca personale, di una passione e di assaggi condivisi con amici esperti degustatori. Deriva da una conoscenza spesso diretta dell’azienda e dei vignaioli per poter dare al vino la lunghezza di una storia con non finisce con il calice“. È una carta dove trova grande spazio la Tuscia, ma non mancano vini provenienti da tutta Italia con qualche puntata all’Estero. E non mancano vini biologici, biodinamici o che respirano la Nouvelle Vague enoica contemporanea.

Un ringraziamento – conclude Marco Ceccobelli – alle redazioni del Gambero Rosso e di Osterie d’Italia di Slow Food per i riconoscimenti ricevuti, ai produttori con cui collaboriamo e condividiamo un’idea di ristorazione che sappia valorizzare il territorio e le nostre tradizioni e a tutti gli amici e clienti che ci seguono e che ci spingono a dare sempre il meglio. È sempre emozionante ricevere un riconoscimento per il proprio lavoro. A maggior ragione quando la tradizione agricola da cui proveniamo si fonde con la nostra idea di cucina.”

b.f.

One Reply to “Il Casaletto di Grotte Santo Stefano fa il pieno di riconoscimenti. Premiati: cucina, pizza e vino”

  1. Ciao Marco,siamo felicissimi dei riconoscimenti che avete ottenuto Dio tutto il duro lavoro dalla partenza ad adesso .Siete una famiglia meravigliosa e vi auguriamo ogni bene possibile,tantissimi auguri 👌👌👍🍾🍾

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *