Maxi evasione fiscale nel commercio dell’oro e preziosi tra Ladispoli, Bracciano e Cerveteri, denunciati padre e figlia

8, 3 milioni di euro non dichiarati al fisco

ROMA – Ammontano a oltre 8,3 milioni i ricavi non dichiarati al Fisco da cinque società di Ladispoli, Cerveteri e Bracciano, individuate dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma, che hanno denunciato due persone – padre e figlia – alla Procura della Repubblica di Civitavecchia per i reati di dichiarazione infedele, di omessa presentazione della dichiarazione dei redditi e di bancarotta fraudolenta.
Le Fiamme Gialle della Compagnia di Ladispoli, durante alcune attività ispettive nei confronti di imprese operanti nel commercio all’ingrosso e al dettaglio di metalli e oggetti preziosi, hanno appurato l’esistenza di una rete societaria, riconducibile al medesimo dominus, che si avvaleva della collaborazione della figlia per la gestione degli affari.
Del gruppo faceva parte anche una società la cui sede legale era stata artificiosamente trasferita a Lugano, per beneficiare di un trattamento fiscale più favorevole.
Durante le indagini è anche emerso che una società aveva subito il depauperamento del proprio patrimonio, distratto a vantaggio di società estere, determinando una crisi di insolvenza tale da provocarne il fallimento.
Il procedimento versa nella fase dell’udienza preliminare e, in attesa di giudizio definitivo, vale la presunzione di non colpevolezza degli indagati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *