Una caduta ferma Rinaldi nella gara della Stock 1000 a Imola

Rinaldi Imola race bTerza gara della stagione per la Superstock 1000 FIM Cup all’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. Nelle qualifiche di ieri Michael Ruben Rinaldi, pilota del Aruba.it Racing-Junior Team, aveva ottenuto la settima posizione e quindi oggi è partito dalla terza fila nella gara che si è disputata nel pomeriggio sotto un cielo molto nuvoloso, ma senza pioggia. La partenza di Rinaldi era molto veloce e gli permetteva di transitare nei primi giri al terzo posto. In seguito Michael perdeva tre posizioni e al termine del terzo giro era sesto. Il giovane pilota del Aruba.it Racing_Junior Team forzava il suo passo per rimontare, ma nel corso dell’ottavo giro scivolava alla prima curva e rientrava in gara in trentaquattresima de ultima posizione. Pur effettuando molti sorpassi nel tentativo di risalire la classifica, Rinaldi non andava oltre la ventiseiesima posizione finale. Il prossimo appuntamento con la Superstock 1000 FIM Cup è fissato nel weekend del 27, 28 e 29 Maggio al Donington Park Circuit in Inghilterra. Michael Ruben Rinaldi : “Ero partito bene, ma poi non sono riuscito a trovare il giusto feeling con la mia moto ed ho iniziato a perdere posizioni. Quando ho visto che ero sesto ho provato a forzare il mio passo nel tentativo di recuperare il gruppo dei primi, ma sono scivolato alla curva 1. Sono riuscito a risalire in moto, ma ero ultimo e pur impegnandomi molto ho concluso al ventiseiesimo posto. Sono molto dispiaciuto perché qui a Imola, davanti a molti tifosi italiani, ci tenevo molto a fare bene ed invece ne è venuto fuori il mio peggior weekend da quando corro in Stock 1000. Mi servirà come esperienza. Ora voltiamo pagina e pensiamo a prepararci al meglio per il prossimo appuntamento di Donington”.

Superstock 1000 FIM Cup – Imola – Italia Gara : 1) Mercado (Ducati) – 2) Calia (Aprilia) – 3) De Rosa (BMW) – 4) Tamburini (Aprilia) – 5) Razgatlioglu (Kawasaki) – 6) Vitali (BMW) – 7) Suchet (Yamaha)………… – 26) Rinaldi (Ducati)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *