Donald Trump VS Amazon

Il presidente Donald Trump sembra si stia preparando per una guerra con Amazon. Ma il governo di Trump non è uno dei maggiori clienti di Amazon?

Amazon, attraverso la sua massiccia divisione di cloud computing Amazon Web Services, ha un accordo con il governo per fornire servizi cloud alla CIA e ad altre agenzie di intelligence.
Questo accordo è stato assegnato per la prima volta nel 2013 e Amazon ha dichiarato di aver battuto IBM  per il business. È un grosso contratto, che vale 600 milioni di dollari in 10 anni.
L’accordo originale ha avuto luogo durante l’amministrazione Obama, ma ci sono stati alcuni aggiornamenti allo stesso da quando Trump è entrato in carica.
Amazon ha annunciato a novembre che stava per lanciare una cosiddetta “Regione segreta” per la CIA come parte del contratto esistente del governo attraverso  AWS.
In un post sul blog di marzo, Amazon ha affermato che è “l’unico fornitore di servizi cloud”  per il governo con attivi contratti per “l’intera gamma di classificazioni dei dati del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti”, incluse le informazioni Top Secret.
Amazon pubblicizza le sue offerte governative, sottolineando la possibilità per il governo di risparmiare denaro utilizzando AWS rispetto ad altri fornitori di cloud.
Trump, secondo quanto riferito, sta cercando modi per aumentare i costi di spedizione di Amazon e forse addirittura cancellare alcuni dei contratti governativi di Amazon, secondo un articolo di Vanity Fair pubblicato la scorsa settimana. 

Trump avrebbe effettivamente punito Amazon (e potenzialmente i contribuenti) cancellando le offerte esistenti di AWS con il Dipartimento della Difesa, la CIA e altre agenzie militari e di intelligence?

Il titolo di Amazon è sceso di quasi il 10% da quando Axios ha riferito per la prima volta il 28 marzo che Trump è “ossessionato” da Amazon, in parte anche per il fatto che la testata  ” Washington Post”, è di proprietà del CEO di Amazon Jeff Bezos.

Trump ha anche twittato diverse volte la scorsa settimana su come riteneva che Amazon stesse approfittando del servizio postale degli Stati Uniti, non pagasse abbastanza tasse e “stava mettendo fuori mercato molte migliaia di rivenditori” successivamente con un altro attacco, ha criticato l’Ufficio postale per essere il “Delivery Boy” di Amazon che sta costando “enormi somme di denaro ai contribuenti”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *