Norme contro l’accattonaggio: “la Lega combatte i poveri invece che la povertà”

Il consigliere comunale di Senso Civico, Alessandro Gentiletti, critica l’atto di indirizzo leghista contro chi chiede l’elemosina in maniera molesta

TERNI – “L’atto di indirizzo presentato dalla Lega contro l’accattonaggio è un atto illiberale e contrario alla Costituzione, fin dal 1959, la prima volta che la Consulta è intervenuta in proposito. Ad ogni modo, sintetizza pienamente la politica di questo partito e dei suoi accoliti di turno”. Così il consigliere comunale Alessandro Gentiletti, rappresentante della listaSenso Civico’.

 

“Invece che combattere la povertà, combattono i poveri” dice Gentiletti, che evidenza come “nessuna politica finora è stata realizzata o prevista per eliminare il disagio sociale di tante persone e famiglie”.

 

Il consigliere di Senso Civico sostiene che “nessun fondo per l’emergenza abitativa è stato previsto in bilancio, nonostante le pressanti richieste di molti attori sociali e del sottoscritto”.

“La loro soluzione per eliminare la povertà – prosegue Gentiletti – è multare con somme ingenti chi chiede l’elemosina di pochi spiccioli. Come, ad esempio, i tanti anziani che girano per il centro e di cui non mi sorprenderebbe se ignorassero l’esistenza coloro che ormai vivono nel palazzo. Per questo mi opporrò fermamente all’atto di indirizzo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *