Torre Alfina avrà il suo “spelacchio” di Natale (e scoppia la polemica)

Sui social è una rincorsa all’ironia, chissà se verranno da tutto il mondo per vedere da vicino questo obbrobrio?

ACQUAPENDENTE – Il sindaco Ghinassi ha fatto arrivare agli abitanti della ridente frazione di Torre Alfina un albero di Natale brutto, così brutto che anche lo spelacchio originale di Roma potrebbe soffrire d’invidia.

Certo mancano ancora le lampadine. Non abbiamo sbagliato, proprio lampadine. Già perché se l’inizio è questo il resto non può che peggiorare.

Buon Natale sindaco, sarà pure un mediocre amministratore ma a far ridere è il numero uno.

 

 

Spelacchio a Torre Alfina

 

 

One Reply to “Torre Alfina avrà il suo “spelacchio” di Natale (e scoppia la polemica)”

  1. A scanso di equivoci: chi scrive amministra “ProMuovo, il gruppo degli amici di Torre Alfina”, la pagina Fb che ha dato voce al malcontento per l’inadeguato albero di Natale. Con la presente ci dissociamo dai toni utilizzati nel presente articolo ed esprimiamo la nostra solidarietà al Sindaco Ghinassi. Ribadiamo che non intendiamo farci strumentalizzare da lotte politiche locali che davvero poco ci interessano o, peggio, prestare il fianco ad attacchi che arrivano da ben più lontano e che nulla hanno a che fare con l’albero di Natale.
    Abbiamo dato voce e sostenuto chi, dopo tanti anni, è ormai stufo di vedere il solito albero capeggiare “triste, solitario y final” al centro di una piazza sempre più frequentata da turisti che vengono ad ammirare le bellezze naturalistiche e storiche del nostro borgo.
    Alla luce dei tanti investimenti fatti e atti all’esaltazione della bellezza dei nostri luoghi, riteniamo che il borgo meriti qualcosa di diverso, magari proposto con più attenzione e cuore.
    Utilizzare questo argomento per attacchi personali è davvero di dubbio gusto.

    Tanto dovevamo.

    Flavio e Fabrizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *