Viterbo – “Viterbo sanguina, aiutatela”, grido d’aiuto delle “Yarnine”

VITERBO – “Viterbo Sanguina” , questo il grido d’ aiuto lanciato attraverso una nuova installazione temporanea  in via Saffi, dal gruppo Yarn Bombing della città. Un cuore di filati rossi,  che con la sua lana ciondolante evoca il sanguinamento. Un’ immagine molto forte che Roberta Sperduti, anima del gruppo delle yarnine cittadine, ha intensificato presentandosi con un vestito bianco ma macchiato di sangue. “Viterbo sanguina, Aiutatela”, é un grido di aiuto rivolto all’Amministrazione per rianimare la nostra città. Una città ignorata, denigrata, ma soprattutto transennata – Dichiarano loro – abbiamo scelto il nostro cuore rosso, veicolo di messaggi positivi adesso volutamente trasformato in una richiesta di aiuto, che si presenta adesso come un organo sofferente, fasciato da garze sfilacciate che tentano di limitarne il sanguinamento. Abbiamo voluto rappresentare Viterbo attraverso la figura di una sposa disperata, una fanciulla che piena di speranza, aspettative e potenzialità si affida al suo custode ed invece di rispetto, protezione, futuro e prosperità, gli riserva soltanto insulti, mancanze e degrado.

una città immobile, dove nulla si aggiusta, ma si transenna in attesa di tempi migliori, il vero simbolo di Viterbo, altro che leoni, transenne in ogni dove posizionate senza imbarazzo a ricordare in ogni angolo di quanto ci sia di incompiuto, di irrisolto.

Abbiamo utilizzato la forza dello splatter per risvegliare la città e i cittadini dal torpore

e non farla morire nel degrado, soffocata dal suo stesso sangue”.

 

Yarn Bombing “bombardamento di fili”

L’ associazione è nata  a Viterbo nel  2014, grazie alla volontà di  un gruppo di donne che armate di uncinetto e ferri, colora la città con i filati ed i materiali più svariati per esaltare la bellezza dei luoghi.  Questa  forma di street art è utilizzata in tutto il mondo per  celebrare giornate e momenti importanti della storia o semplicemente “bombardare con i fili” elementi  urbani lasciati nell’ incuria. Lo Yarn Bombing, è un movimento internazionale underground che utilizza installazioni di fili di lana intrecciati e lavorati all’uncinetto, per manifestare su temi di rilevanza sociale. Molto attive in città, le creative “Yarnine” hanno stabilito la loro sede e laboratorio in centro, a via Saffi, una strada che insieme agli altri commercianti voglio riportare alla vita attraverso una serie di eventi che avranno come claim “Viva Saffi”.

b.f.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *