Viterbo – Lav: “Necessarie pene più severe per chi maltratta gli animali, lanciata petizione”

Si può firmare la petizione #MISALVICHIPUÒ SU: amarefabene.lav.it/#firma_ora

VITERBO – Di seguito la nota della Lega anti vivisezione territoriale dopo il triste fatto di cronaca accaduto a Montefiascone, che ha visto la barbara uccisione di un cane legato e trascinato con la macchina: “Abbiamo appreso la notizia, tremenda, relativa all’ennesima violenza su un animale indifeso, avvenuta questa volta nella nostra provincia, a Montefiascone: un pastore avrebbe legato un cane di grossa taglia alla propria autovettura trascinandolo fino alla morte. Qualcuno ha visto il folle gesto e ha prontamente avvisato le forze dell’ordine, che non hanno potuto far altro che constatare la morte dell’animale e denunciare l’uomo per uccisione di animale. La cosa ci lascia sgomenti e senza parole. Condanniamo questo atto di inaudita crudeltà, ribadendo la nostra richiesta di pene più severe ed efficaci contro chi maltratta gli animali. Maltrattare e uccidere animali è un reato. LAV chiede una modifica della legge 189/2004 (“Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate”) per inasprire le pene verso chi commetti reati contro gli animali e renderla più efficace.
Per aiutarci ad ottenere questo risultato è possibile aderire alla campagna #MiSalviChiPuò: “Diciamo basta ai maltrattamenti sugli animali”. Con la tua firma puoi fare davvero la differenza:
amarefabene.lav.it/#firma_ora.
Firma qui la petizione indirizzata a Governo e Parlamento e aiutaci a fare pressione per ottenere una nuova Legge contro i maltrattamenti.
Ogni giorno moltissimi animali sono vittime della violenza dell’uomo e LAV quotidianamente, in tutta Italia ed anche in provincia di Viterbo, combatte perché animali che vengono maltrattati o abbandonati ricevano una nuova vita fatta di amore e attenzioni finora mancati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *