Cosa cambia con l’entrata di Netflix nel settore del gaming cloud

Netflix costruirà il suo team di gioco nei prossimi mesi, secondo la persona che ha familiarità con la questione. La società ha già iniziato a pubblicizzare posizioni relative allo sviluppo di giochi sul suo sito web. “Questo sembra un evento significativo con ampie ramificazioni nel panorama dei videogiochi”, ha scritto giovedì l’analista di Citi Jason Bazinet in una nota. Ha affermato che la mossa di Netflix crea “ovvi rischi” per gli sviluppatori e gli editori di giochi più grandi. I videogiochi offrono a Netflix un altro modo per attirare nuovi clienti e offrono anche qualcosa che nessuno dei suoi concorrenti diretti attualmente offre. Walt Disney Co., WarnerMedia di AT&T Inc. e Amazon.com Inc. hanno tutti accesso agli sport in diretta, ma non hanno giochi all’interno dei loro principali servizi video. In buona sostanza, la mossa potrebbe rendere più facile per Netflix giustificare gli aumenti di prezzo nei prossimi anni. I giochi hanno anche lo scopo di aiutare a commercializzare spettacoli esistenti. Molte delle più grandi aziende tecnologiche vendono opzioni di gioco oltre ai loro servizi video. Apple Inc. ha una piattaforma chiamata Arcade per i giochi, oltre a un servizio TV+ per progetti video originali. Tuttavia in questo caso si paga un extra per il gioco, perfettamente in linea con il pensiero Apple, secondo cui ogni servizio extra deve avere un prezzo e un costo.

Cosa pensa Bloomberg dell’entrata di Netflix nel settore del gaming

“Questa è un’estensione naturale della sua strategia sui contenuti di Netflix, che gli consente di estrarre la proprietà intellettuale da spettacoli popolari come “Stranger Things”. Anche se potrebbe non generare molte entrate aggiuntive, contribuirà ad approfondire il coinvolgimento e ad aumentare l’appeal del servizio e il potere di determinazione dei prezzi. Non aspettarti che questo sia un punto di svolta, ma mostra che l’azienda esplorerà nuovi formati per aumentare il tempo trascorso sulla piattaforma”.

Molte delle più grandi aziende tecnologiche vendono opzioni di gioco oltre ai loro servizi video. Apple Inc. ha una piattaforma chiamata Arcade per i giochi, oltre a un servizio TV+ per progetti video originali. Ma fa pagare un extra per il gioco .La notizia ha scosso le azioni di GameStop Corp., il rivenditore di videogiochi che ha tentato un ritorno. Giovedì è sceso fino al 7,5% nel trading pre-mercato. Le prove dei piani di Netflix per l’aggiunta di giochi hanno già iniziato ad apparire nei file nascosti all’interno dell’app dell’azienda, secondo una ricerca condotta dallo sviluppatore iOS Steve Moser e condivisa con Bloomberg.

Netflix ha precedentemente concesso in licenza i diritti per i giochi basati sui suoi spettacoli, incluso “Stranger Things”, ma questa nuova iniziativa ha una portata molto più ampia. La società con sede a Los Gatos, in California, deve ancora stabilire una strategia di sviluppo del gioco, ha affermato la persona. In tipico stile Netflix, l’azienda può iniziare con pochi giochi e costruire da lì.

Come saranno gli spettacoli interattivi del futuro prossimo

Netflix ha anche fatto incursioni precedenti nella programmazione interattiva, come gli spettacoli in stile “scegli la tua avventura”. Ha creato versioni di programmi come “Carmen Sandiego” e “Black Mirror” in quel formato, che non è affatto un vero videogioco. In particolare la sperimentazione del film spin-off Bandersnatch era già un segnale che Netflix stava pensando di puntare su altri settori, come quello del gioco interattivo, appunto. In quel caso si è trattato di un caso isolato, che ha fatto però da modello per capire la risposta degli utenti e del pubblico profilato circa la possibilità di sviluppare e lanciare sul mercato un prodotto interattivo ed efficace. Oggi il settore del gioco si sviluppa e di muove su diversi fronti. Uno dei più efficaci e performanti è senza dubbio quello del gambling, che opera ormai da due decenni. Pensiamo ad esempio a come Casino online NetBet in Italia come nel resto d’Europa sia diventata una realtà consolidata per la filiera del gambling online legale.

Reed Hastings e Ted Sarandos, co-amministratore delegato di Netflix, hanno condiviso con gli analisti il ​​loro interesse a spingersi verso i giochi nelle recenti chiamate. Hanno anche identificato il gioco sparatutto Battle Royale Fortnite come un concorrente per il tempo dei suoi clienti. Tuttavia, gli studi di Hollywood hanno una storia movimentata nel settore dei videogiochi. Alcune aziende hanno avuto molto successo nel concedere in licenza i loro film o programmi TV per i giochi e la Warner Bros. ha creato internamente una manciata di titoli di successo nel corso degli anni. Anche Disney, la più grande azienda di intrattenimento del mondo, ha chiuso la maggior parte delle sue operazioni di gioco interne dopo anni di sforzi infruttuosi. Da allora si è concentrato sulla licenza di proprietà Marvel e Star Wars per i giochi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *