Viterbo -Sgominata banda specializzata in furti: 5 arresti

VITERBO – Nei giorni scorsi personale della squadra mobile della questura, al culmine di una complessa attività d’indagine, ha sgominato una banda di ladri seriali appartenenti alla comunità “Sinti”, specializzati in furti con destrezza in gioiellerie e negozi di lusso.
I malviventi si sono resi responsabili di una decina di episodi criminosi, commessi in varie province del centro nord tra i mesi di gennaio e aprile del corrente anno.
Gli indagati, tre donne e due uomini, si spostavano con estrema facilità da un territorio all’altro, anche in violazione delle limitazioni imposte dalle normative sanitarie anti-Covid, utilizzando autovetture a noleggio o comunque non direttamente a loro riconducibili.
I componenti del gruppo criminale, attraverso un consolidato modus operandi, individuavano preventivamente gli obiettivi da colpire, ove accedevano in tre o quattro contemporaneamente, fingendosi clienti interessati all’acquisto di articoli vari al fine di distogliere l’attenzione degli esercenti e consentire ad uno dei complici di impossessarsi di oggetti di valore destinati alla vendita e/o di beni di proprietà dei titolari.
Le indagini sono iniziate nei primi giorni di marzo allorquando i correi si erano resi responsabili di un tentativo di furto in una nota gioielleria del capoluogo viterbese e di un furto in una pellicceria del centro storico.
L’attività investigativa, corroborata anche dallo scambio informativo su scala nazionale, ha consentito di accertare che i componenti del sodalizio criminale avevano operato con analoghe modalità anche in altre località del nord Italia.
Le risultanze delle indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Forlì, hanno consentito di identificare compiutamente tutti i componenti della banda, acquisendo fondamentali elementi probatori a carico di ognuno di essi, nei confronti dei quali (già pregiudicati per analoghi reati predatori) sono state emesse altrettante ordinanze di custodia cautelare in carcere.
I destinatari delle misure, all’esito di accurate ricerche effettuate dagli operatori della Squadra Mobile di Viterbo (con la collaborazione degli omologhi Uffici di Latina, Lucca e Venezia), sono stati rintracciati e associati presso le Case Circondariali di Lucca e Roma Rebibbia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *