Viterbo verso il voto. Barelli (Azione) pubblica un post su Facebook e le reazioni degne di Zelig

Ormai l’avvocato ha trasformato la sua “azione” politica in una gag dove i lettori si lasciano andare a commenti comici che non sono di buon auspicio per il suo futuro politico

VITERBO – “Contenuto sponsorizzato e finanziato da Giacomo Barelli”, da qualche giorno aprendo facebook ci si trova continuamente di fronte al bel faccione di Carlo Calenda con l’ espressivissimo volto dell’ avvocato e politico Giacomo Barelli ( che a stento trattiene una fragorosa risata)  per una foto che sembra più un appello di umana solidarietà: “Aiutiamo Carlo Calenda a Viterbo. Messaggiamoci”.

Un invito alquanto inquietante con un livello di strategia comunicativa e persuasiva, pari a zero, che vede praticamente Calenda paragonato ad un profugo ucraino da sostenere.  A di là della trovata che, tra volti e parole, fa già ridere da sola, a far sbellicare veramente dalle risate sono i fantastici commenti: Da chi vorrebbe buttarli nell’ Urcionio “per fargli conoscere meglio il territorio” a chi, passando da Canepina vorrebbe regalargli una vanga, strumento per lavorare la preziosa terra. C’ è infine chi imperterrito, senza un minimo di umana pietas, non vuole sentire ragione e in un impetuoso viterbese dichiara:  “None, non voglio aiutarlo!”.

In una situazione in cui, “gli aiuti”, sono uno dei pilatri del delicato momento storico, utilizzarli in contesti equivoci ci sembra alquanto triste.

B.F.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *