Viterbo, inaugurato “Arcipelago”, centro di inclusione per autistici

Troncarelli: “è uno dei quattro centri polivalenti che verranno inaugurati nel Lazio e per i quali, nel complesso, la Regione Lazio ha destinato 3 milioni di euro”

VITERBO – Un centro polivalente dove giovani e adulti con disturbo dello spettro autistico possono essere coinvolti in percorsi di valorizzazione e sviluppo delle proprie competenze e autonomie, attraverso l’organizzazione di attività finalizzate alla piena partecipazione alla vita della comunità e la realizzazione di tirocini e programmi di orientamento volti all’inserimento nel mondo del lavoro.

Il progetto, che è finanziato dalla Regione Lazio, si chiama Arcipelago ed è stato inaugurato questa mattina a Viterbo, presso il Parco Agricolo Agriland in strada Ponte Sodo. L’evento è stato organizzato da Alicenova, capofila della proposta progettuale, insieme ai partner Fondazione Oltre Noi, Nemo, Il Cerchio, Gea, Zoe e Fattorie Solidali. Intervenuta l’assessore regionale alle politiche sociali Alessandra Troncarelli, per un momento di saluto e presentazione, insieme ai medici Marco Marcelli e Teresa Sebastiani della ASL Viterbo e a Eugenio Stelliferi della Comunità Montana dei Cimini, a sottolineare l’importanza di questo progetto per tutto il territorio.
Arcipelago rappresenta un importante traguardo, perché per la prima volta nel Lazio viene attivato un servizio socio-assistenziale innovativo e diffuso che, attraverso un programma sperimentale biennale, vuole sostenere i giovani che si trovano a vivere il passaggio tra la conclusione del ciclo scolastico e l’inizio di una professione lavorativa, con attività da realizzare su tutto il territorio di riferimento in un sistema che coinvolga la comunità e agevoli l’apertura ad essa – ha spiegato l’assessore Alessandra Troncarelli – In questo centro i diretti interessati saranno seguiti a 360 gradi, con una presa in carico integrata della persona e, mediante anche la valorizzazione del budget di salute, verrà elaborato un progetto personalizzato in grado di supportare l’integrazione e l’inclusione sociale, andando oltre una logica di puro assistenzialismo. Il progetto Arcipelago è tra i quattro centri polivalenti che verranno inaugurati nel Lazio e per i quali, nel complesso, la Regione Lazio ha destinato 3 milioni di euro“.
La proposta si rivolge a giovani e adulti con disturbo dello spettro autistico e altre disabilità con bisogni complessi dell’area Lazio Nord (Viterbo e Rieti) con l’obiettivo di supportare il coordinamento tra la componente sociale, sanitaria e quella rivolta alle politiche attive del lavoro; incentivare il protagonismo delle famiglie e delle associazioni dei familiari operanti nel territorio di riferimento; rappresentare un modo diverso di guardare al mondo dell’autismo, partendo dall’individualità delle persone e dalla valorizzazione delle differenze, per costruire un modello futuro che tenga presente anche il passaggio alla vita adulta.
La Regione Lazio ha dimostrato negli ultimi anni un’attenzione crescente e continua ai bisogni delle persone in condizioni di fragilità, offrendo risposte strutturate alla sfide sociali emerse sul territorio – ha dichiarato Andrea Spigoni, presidente della cooperativa Alicenova – i centri polivalenti per giovani con disturbo dello spettro autistico sono un modello virtuoso in cui riconosciamo tre ingredienti essenziali: la volontà di integrare la componente sociale e sanitaria; una visione politica coerente vicina ai bisogni delle persone, a partire dai più fragili e meno rappresentati; una sana collaborazione tra ente pubblico e terzo settore. Per questo ringraziamo la Regione Lazio e l’assessore Alessandra Troncarelli, che ha fortemente voluto, ideato e promosso questo progetto“.
Per l’inaugurazione sono state allestite nel parco aree a tema dove gli ospiti hanno potuto sperimentare i laboratori realizzati dalle cooperative partner di Arcipelago: orticoltura e florovivaismo, attività assistite con animali, laboratori artigianali, artistici e tanto altro. Supportati dagli educatori, sono stati proprio i ragazzi con disturbo dello spettro autistico a condurre i laboratori, mostrando effettivamente il modello di inclusione sociale e lavorativa di cui è parte Arcipelago. Anche l’aperitivo offerto, a base di prodotti di agricoltura sociale del marchio Sémina, è stato preparato dai giovani adulti che stanno svolgendo un percorso di inclusione lavorativa all’interno del ristorante S’Osteria 38, gestito da Alicenova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *