Stoccarda, morti due ristoratori italiani: Rosario Lamattina e Gianni Valle avevano 53 anni, è giallo

Sgomento a Roccagorga (Latina) paese di origine di Gianni Valle

STOCCARDA – Due ristoratori italiani sono stati trovati morti nella cantina di un ristorante a Stoccarda. Si tratta di Rosario Lamattina e Gianni Valle, entrambi 53enni. I due sarebbe stati soci. il primo era originario di Caggiano, in provincia di Salerno, mentre il secondo era di Roccagorga, un paesino in provincia di Latina.

Lo riporta la Stuttgarter Zeitung. I due sarebbero morti a causa di ferite da taglio. Secondo il giornale, si tratta di due famosi protagonisti della ristorazione italiana locale. A quanto scrive SWR, non si esclude che i due, entrambi di 53 anni, possano essere arrivati a una lite feroce, finendo col ferirsi con dei coltelli o con dei pezzi di vetro.

Gli uomini, entrambi di 53 anni, sono stati trovati lunedì pomeriggio in una stanza nel seminterrato del ristorante Valle in Geschwister-Scholl-Straße vicino all’università del centro città.

La polizia ha anche dichiarato di non aver trovato prove che una terza persona fosse coinvolta. Pertanto, vengono prese in considerazione due teorie: o uno dei due ha ucciso l’altro e poi si è suicidato o qualcuno ha ripulito le proprie tracce sul luogo del delitto.

Le lesioni e le tracce, che vengono esaminate durante l’autopsia, dovrebbero chiarire il decesso.

Un altro mistero: perché gli uomini si sarebbero incontrati il giorno di riposo del ristorante? Hanno litigato?

Il ristoratore Valle, originario di Roccagorga in provincia di Latina era stato fondatore del locale che gestiva con Lamattina che invece aveva gestito il Perbacco su Tübinger Straße per diversi anni.

Erano partner commerciali. Ma non solo: gli uomini avevano una stretta amicizia. “Li conosco entrambi, eravamo tutti buoni amici”, dice un oste di Stoccarda nato in Italia, che non ha alcuna spiegazione per una spaccatura tra i due. “Si dice anche che siano stati padrini per i figli l’uno dell’altro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *