Montalto di Castro – Il Comitato “Montalto e Pescia”: Lavori con mutui bloccati, cosa farà Corniglia?

MONTALTO DI CASTRO – Riceviamo e pubblichiamo la nota inviata dal comitato civico “Montalto e Pescia”: Sono passati ormai quasi 5 mesi dall’insediamento della nuova amministrazione e in campo di lavori pubblici molti ci chiedono come mai è ancora pieno di buche nelle strade (gara sospesa 5 mesi fa il giorno della scadenza e mai ripartita) e nessun lavoro sta partendo, compresi i lavori per la “riqualificazione del centro storico” e la “realizzazione dello Skate Park”, affidati sei mesi fa e dei quali inspiegabilmente non se ne sa più niente.

Una brutta vicenda anche quella dello stadio Maremmino di Pescia, la cui gara d’appalto è stata prima sospesa 5 mesi fa e poi revocata il 31 ottobre “per revisionare il progetto”

Ed è così che vogliamo soffermarci sui tanti progetti lasciati in eredità alla giunta Socciarelli, approvati e finanziati dalla precedente amministrazione con mutui di Cassa depositi e prestiti.

Vi facciamo dunque un elenco, per un totale di euro 6milioni e 707mila euro

1. “Riqualificazione area case ex Enel e parco della rimembranza” (350mila euro)

2. Sistemazione dei “Parchi e giardini di Pescia Romana” (280mila euro)

3. Riqualificazione “Verde pubblico Pescia Romana” (70mila euro)

4. Riqualificazione “piazza Matteotti” (40mila euro)

5. Sistemazione “Viale dei Pini” (1mln e 100mila)

6. Riqualificazione e sistemazione area urbana “Chiesa di Santa Lucia” (570mila euro)

7. Sistemazione “Strada del Fodero” (300mila euro)

8. Sistemazione e bonifica “Strada Litoranea” (250mila euro)

9. Sistemazione e bonifica “Strade Quartuccio e Mezzagnone” (530mila euro)

10. Riqualificazione “Decoro urbano di Pescia Romana” (600mila euro)

11. Sistemazione e bonifica “Via di Scirocco e via delle Spugne” (70mila euro)

12. Sistemazione “Strada Belvedere” (264mila euro)

13. Sistemazione “Attraversamenti idraulici Fosso della Marzola” (573mila euro)

A queste opere, vanno aggiunti i finanziamenti ottenuti per:

–  la riqualificazione di via Tevere (960mila euro dalla Regione Lazio)

–  la sistemazione del Centro storico (250mila euro dalla Regione Lazio)

– La sistemazione dello stadio “Il Maremmino” di Pescia Romana (600mila euro dal Credito Sportivo)

Ci ricordiamo molto bene come nell’attuale maggioranza, il Pentastellato Corniglia quando sedeva ai banchi dell’opposizione si dichiarava contraria all’accensione di mutui “per non indebitare il comune”

In particolare per fare un esempio nel 2020 (post allegato) l’allora consigliere di minoranza Francesco Corniglia citava testualmente “certo che è una bella cifra e peserà sul futuro”, oltre alle sue varie dichiarazioni e voti di contrarietà alle opere pubbliche in consiglio comunale.

Ebbene OGGI il caso vuole che quell’opposizione governi ed in particolare Francesco Corniglia, forse per un gioco del destino, ricopra proprio il ruolo di assessore ai lavori pubblici.

Cosa farà dunque l’assessore?

Rimarrà “contrario” ai mutui e li estinguerà oppure li utilizzerà e se ne compiacerà?

Noi scommettiamo sulla seconda!

Certo che utilizzandoli per lui sarebbe un bel autogol che paleserebbe una falsa linea di sola propaganda usata per adempiere al ruolo di minoranza, prendendo in giro i cittadini e futuri elettori, fino a giugno 2022.

Intanto, casualmente segnaliamo che l’amministrazione ha già utilizzato un mutuo per finanziare (giustamente diciamo noi) il secondo stralcio del depuratore di Pescia Romana.

Quello su cui non siamo assolutamente d’accordo, e’ che tra i vari mutui che potevano essere rinegoziati, sia stato “cassato” proprio il progetto della riqualificazione della chiesa e dell’area di Santa Lucia, che verrà fatta, come dice la delibera di giunta, in un secondo momento solo “SE” arriverà un finanziamento: un’opera richiesta a gran voce da tutti, un colpo al cuore, alla cultura ed alla storia del nostro paese!

Considerando che solamente qualche settimana fa si pubblicizzava come grande traguardo l’aver ripulito la strada che porta alla Chiesa dalla circonvallazione Vulci, ci sembra un bel paradosso.

Speriamo che i nuovi amministratori abbiano almeno un piccolo sussulto al cuore il prossimo 9 marzo quando sicuramente saranno in prima fila in pompa magna alle celebrazioni dei Santi Martiri!

Purtroppo la cosa non ci stupisce, vista la linea di tagli alla cultura ed alle tradizioni che stanno intraprendendo!

Cogliamo infine l’occasione per fare un appello anche ai consiglieri di opposizione, con lo scopo di fare chiarezza sulla vicenda generale dei mutui in consiglio comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *