Civitavecchia – Sulla Lega soffia forte il vento di “Tramontana”

Attovagliati al ristorante “Caprasecca”, il consigliere metropolitano Antonio Giammusso, quello regionale Daniele Giannini insieme all’imprenditore Roberto Serafini e Ivano Iacomelli

CIVITAVECCHIA – Il galletto alla brace o fritto che servono a “Tramontana”, notissimo ristorante che sorge alle pendici dei Monti della Tolfa, vicino una cava di allume, è buono e conosciuto in tutta la provincia.

In quei tavoli però non si assaggia solo cucina casareccia. Si cucinano accordi commerciali e politici. Si fanno le prove generali che poi vengono firmate con lo “struscio” da Caprasecca a suon di bollicine e pesce crudo.

Erano da poco passate le 13 di oggi quando sono arrivati due politici e due imprenditori di livello nel ristorante che si trova in piena passeggiata al Pirgo.

I primi due sono il consigliere di Città Metropolitana Antonio Giammusso (capo carismatico della Lega a Civitavecchia) e il consigliere regionale Daniele Giannini.

Gli imprenditori Roberto Serafini e Ivano Iacomelli. Mancano meno di tre mesi alle elezioni per il rinnovo del consiglio regionale e Giannini si candidata ad essere “mister preferenze” tra le fila del partito di Salvini. Per raggiungere l’obiettivo Giannini ha bisogno del supporto della provincia e, su Civitavecchia, Giammusso è indiscutibilmente l’unico ad avere: seguito e voti.

I due sono fedelissimi del sottosegretario Claudio Durigon e Roberto Serafini non ha mai nascosto l’amicizia con il coordinatore regionale e lo ha dimostrato nelle recenti elezioni politiche.

Il contenuto dell’incontro è fin troppo semplice da intuire. Si stanno formando le squadre e questo a tavola oggi da  Caprasecca appare essere uno squadrone.

Il resto sono chiacchiere.

Il prossimo passaggio è da “Guiduccio” al Sasso ma qui solo dopo, per festeggiare.

 

One Reply to “Civitavecchia – Sulla Lega soffia forte il vento di “Tramontana””

  1. Nella ricostruzione giornalistica qualcosa non torna e unge una domanda:
    Se fosse vero il sodalizio politico tra Iacomelli, Serafini, Durigon e Giammusso per sostenere il consigliere regionale della Lega Daniele Giannini, vorrebbe dire che la candidatura alla Regione Lazio di Mirko Mecozzi sarebbe saltata, visto che il gruppo politico è lo stesso. O peggio ancora che “er Mecozzi de Campo dell’Oro” verrebbe scaricato per promuovere la doppia candidatura locale Giannini-La Rosa e puntare sulla quasi certa rielezione di Giannini.
    Se fosse vero sarebbe lo scoup di queste elezioni regionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *