Viterbo – Il ricordo del dottor Salvatore Canta di colleghi e amici

Il noto e stimato medico è morto oggi

VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo – Questa mattina e’ venuto a mancare il Dr. Salvatore Canta, noto medico otorinolaringoiatra di Viterbo. Un medico molto stimato, ma anche un grande sportivo con una passione particolare per il calcio. Grande tifoso del Napoli, era anche un ottimo giocatore ed arbitro di molte importanti partite. Come giocatore il suo ruolo principale era quello di difensore a tal punto che, quando scendeva in campo, non “passava una palla“. Per questo era stato soprannominato “ministro della difesa“, divenuto poi il suo soprannome.

Era anche un grande amante della musica e cantava, in diverse occasioni conviviali, soprattutto tra amici e parenti, un vasto repertorio legato alla canzone italiana, con una predilezione particolare verso Franco Califano ed i brani più famosi della canzone napoletana, viste le origini partenopee di suo padre Giovanni.

“La scomparsa del Dr. Salvatore Canta – come ricordano i suoi colleghi- è stata accolta con profondo dolore dai medici e dagli operatori sanitari che hanno lavorato con lui prima all’Ospedale Grande degli Infermi e, poi, presso Belcolle fino al suo collocamento in pensione.

Ma il Dr. Canta ha lasciato in una profonda tristezza anche i tantissimi amici che erano soliti trascorrere con lui momenti di sport e di spensieratezza, resi ancora più vivaci per la sua essenza di uomo leale, corretto, altruista, simpatico, cordiale e sempre pronto allo scherzo ed alla convivialità.

Tutti ne hanno da sempre apprezzato le qualità professionali e personali, soprattutto nel periodo della sua attività presso il reparto Otorinolaringoiatrico, sollecito nel dare il meglio di sé nell’approccio con i ricoverati, dai più piccoli di età ai più grandi, con un accostamento sempre caratterizzato dal sorriso e dall’empatia, facoltà, queste, assolutamente necessarie nell’umanizzazione delle cure mediche per agevolare il recupero psico-fisico del paziente.

Ma il dr. Canta è stato anche un eminente esempio per tutti allorquando, sfidando il suo calvario di sofferenza fisica, ha messo in primo piano quel coraggio, quella determinazione e quel discernimento che solo gli uomini più grandi sanno fare, senza cedere al prevedibile avvilimento che può generare un destino particolarmente avverso“.

I funerali avranno luogo domani, sabato 10 dicembre, alle ore 14.30, nella Chiesa di S. Maria della Grotticella, entrata Mazzetta.

Alla moglie Serenella ed ai figli Giulia e Giovanni le ns. più sentite condoglianze.

Tesori di Etruria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *