Marta – Truffa ad anziana, arrestati due malviventi

MARTA – Alle 11:30 circa di ieri 20 dicembre, l’operatore della Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Montefiascone, ricevuta una segnalazione di truffa appena consumata ai danni di un’anziana, nel Comune di Marta, diramava le ricerche alle pattuglie dell’Arma.

Immediatamente dopo, personale della Stazione Carabinieri di Capodimonte notava, in quel largo del porto, un’autovettura Volkswagen T-ROC bianca, con a bordo un uomo e una donna, che non avendo fornito un’attendibile spiegazione circa la loro presenza nel piccolo centro lacuale e che il veicolo risultava noleggiato ad Afragola da una terza persona, procedevano a perquisizione.

I militari rivenivano, nascosta a bordo del veicolo, una scatola contenente la refurtiva provento del raggiro, in particolare soldi e vari monili in oro appartenuti senza alcun dubbio all’anziana vittima.

Anche questa volta l’arrivo del truffatore era stato preannunciato da una telefonata sull’utenza di casa, il cui interlocutore riferiva che il figlio e la nuora della signora si trovavano in caserma e potevano essere rilasciati solo a fronte del pagamento di € 4.500,00, con la disponibilità di ricevere anche oro e oggetti di valore.

Il 39enne e la 45enne, entrambi campani, sono stati arrestati, e le immagini diffuse perché chiunque fosse stato vittima dei due soggetti deve denunciare.

Quanto sopra testimonia la costante attenzione che l’Arma dei Carabinieri pone nella lotta alle “truffe agli anziani”, anche dal punto di vista preventivo, attraverso l’incessante campagna informativa in atto nelle parrocchie, centri anziani ed altri luoghi di aggregazione di tutta la Provincia di Viterbo.

PRESUNZIONE DI INNOCENZA

Il soggetto indagato è persona nei cui confronti vengono fatte indagini durante lo svolgimento dell’azione penale; nel sistema penale italiano la presunzione di innocenza, art 27 Costituzione, è tale fino al terzo grado di giudizio e la persona indagata non è considerata colpevole fino alla condanna definitiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *