Minopoli: “Ecco il ‘lodo Tempa Rossa’, i No Triv vorrebbero fermare le estrazioni ovunque. Bevetevelo il petrolio!”

Il presidente dell’AIN (Associazione Italiana Nucleare) interviene sull’inchiesta giudiziaria che ha portato alle dimissioni del Ministro allo Sviluppo Economico Federica Guidi 

Ma che paese e’ questo? Gongolano i No Triv e chi li sostiene. Mostrando dove si vuole arrivare: fermare le estrazioni petrolifere ovunque, dappertutto e non solo, come dicevano gli ipocrtiti che sostengono i No Triv, entro le 12 miglia dalle coste, in mare. In uno Stato civile e mentalmente stabile uno distingue tra quello che e’ reato e quello che reato non e’. Tra quello che e’ un atto scellerato, inopportuno e stupido di un ministro, tale da richiedere subito le dimissioni, e un ‘opera, nel nostro caso il progetto Tempa Rossa, che e’ legittima e perseguita dai suoi proponenti rispettando le procedure legali, istituzionali, ambientali. Qui da noi, invece, tutto si confonde. E tutto viene strumentalizzato a fini meschini, politici e di partito: se un ministro sbaglia vuol dire che il progetto di Tempa Rossa e’ sbagliato e da fermare”. Ecco la logica italiana. Ma che logica e’? Dove finiamo di questo passo? Ci rendiamo conto che cosi’ si fermerebbe tutto: qualunque opera o infrastruttura? Non c’e’ investimento, infrastruttura, progetto che non possa manifestare, nel suo svolgimento, comportamenti illeciti di qualcuno. Che facciamo: fermiamo tutto per questo? O perseguiamo il reato salvaguardando l’opera? In paesi normali e’ ovvio e banale che si fa cosi’! Da noi, invece non lo e’. Solo in Italia un illecito viene strumentalizzato per fermare un’opera: invece di perseguire l’illecito, salvando l’opera, si ferma l’opera. Farsesco. Ma, badate bene, non e’ nemmeno vero che è sempre cosi’. Prendiamo una cosa su cui si sbracciano gli ambientalisti: gli investimenti nelle rinnovabili, sole e vento. Andrebbe fatto notare ai cosiddetti ambientalisti che gongolano per l’illecito della Guidi e vorrebbero fermare le estrazioni che, se si fosse applicato alle rinnovabili il metodo che loro oggi applicano alle estrazioni, ” se in un’opera si manifesta un reato, l’opera e’ criminalizzata e da fermare”, l’Italia non avrebbe una sola pala eolica o un solo pannello fotovoltaico. Si dimentica, disinvoltamente, infatti cosa si e’ accompagnato, in termini di reati, truffe, ruberie accertate, in Italia all’investimento sulle rinnovabili. Cose turche! Dinanzi alle quali lo stupido illecito della Guidi appare il vizietto del prete di campagna. Voi vi siete scordati cos’e’ stato il rosario di crimini, truffe allo Stato, delitti mafiosi e camorristi che hanno costellato la costruzione in Italia del parco fotovoltaico ( con la Germania) piu’ esteso al mondo o del parco eolico nel Sud d’Italia, in Sicilia e da altre parti. Tra l’altro: l’estrazione petrolifera o di gas non distribuisce, a differenza degli impianti di rinnovabili superincentivati, soldi pubblici. Sono investimenti privati. Invece le rinnovabili prevedevano un fiume di denaro pubblico, di aiuti, incentivi per decine e decine di miliardi: un mega affare strabiliante su cui si riverso’, nel decennio, 1995/2005 la criminalità organizzata, la mafia e la camorra. Vorrei che qualche giornalista, intellettualmente onesto, si esercitasse a elencare il fiume criminale, gli episodi di corruzione, malversazioni, illeciti che in Italia accompagno’, in quegli anni, gli investimenti “pubblici” sulle rinnovabili. Che facemmo? Fermammo quell’opera? No. Era uno spreco e un danno per come fu realizzata: senza programmazione, solo con soldi pubblici, mettendo fuori gioco altri investimenti fatti, quelli in cicli combinati (anch’essi investimenti privati come le estrazioni e non pubblici come quelli per sole e vento), portando alle stelle il prezzo dell’energia. E, invece, io dico anche giustamente, l’investimento sulle rinnovabili non si fermò. Nonostante il fiume criminale. Si distinse tra il reato e l’opera. E per fare, un altro caso, prendiamo l’alta velocità. Se si fosse seguito il lodo “Tempa rossa”, ossia “si manifesta un’illecito, fermiamo l’opera”, oggi noi non avremmo un’infrastruttura, l’alta velocità ferroviaria, che il mondo ci invidia e i cittadini italiani benedicono. E vorrebbero si estendesse a tutta l’Italia. E non solo alla Milano-Napoli. Voi ricordate quanti furono truffe, illeciti, reati delle aziende di costruzione, che accompagnarono quell’opera? Quale fu il livello di corruzione che si manifestò? Ma l’opera non fu fermata. Anche se, in quel caso (a differenza delle rinnovabili) gli ambientalisti avrebbero voluto che tutto si fermasse. Fossimo stati a sentire loro, oggi viaggeremmo ancora con gli Intercity, mettendoci 12 ore invece di 4, per andare da Napoli e Milano. Ora, in tutto questo, cos’è il progetto “Tempa Rossa” che secondo gli ipocriti referendari dovrebbe fermarsi per l’illecito idiota del ministro Guidi? E’ l’impianto definito “tra i più evoluti nel settore petrolifero”, progettato in maniera innovativa e particolare, tale da essere coerente al contesto ambientale particolare in cui e’ inserito. Che occuperà oltre 500 persone, finanziato solo da investimenti privati di aziende leader mondiali del settore petrolifero. Non si tratta di un progetto futuro. I pozzi esistono già quasi tutti ( 6 su 8 che hanno passato tutti i livelli di autorizzazione). Quel che resta da fare è, guarda caso, non tanto trivellare ma organizzare il trasporto di quel che si estrae, cioè pipelines e approdi logistici. Che passano per la Puglia: un puro fatto geografico imprescindibile. Ma in Puglia governa il promotore dei referendum antitrivella: un ex magistrato. A una settimana dal referendum scoppia il caso giudiziario del ministro Guidi. Cronaca, capiamoci. A me, ottimista e razionale, la patologia che vede complotti dappertutto mi inquieta. Certo: la coincidenza colpisce. Ma a me sembra più importante una domanda di merito al dottor Emiliano che ritarda ( causa il referendum da lui indetto ?) le autorizzazioni alle pipelines e agli approdi logistici per completare il progetto Tempa Rossa ( di questo credo parlasse il famoso emendamento ): dottor Emiliano, ma il petrolio che si estrarrà dai pozzi già autorizzati e perfettamente legali di Tempa Rossa che fine deve fare? Non si puo’ movimentare attraverso la Puglia?” E allora? Sono convinto che l’ex magistrato, noto tecnologo che voleva fare andare a gas un’acciaieria, risponderebbe piccato: “ve lo potete sempre bere”.

Umberto Minopoli – AIN

lottimistablog.wordpress.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *