Civitavecchia – Weekend di controlli nel quartiere della movida

Passati al setaccio 10 locali, di cui uno è stato chiuso per irregolarità anti Covid. Oltre 250 le persone identificate e 120 i veicoli fermati

CIVITAVECCHIA – Musica e alcol fuori orario, strade piene di persone senza mascherine. Oltre 250 le persone fermate nel fine settimana durante l’ennesimo controllo contro la “malamovida” romana, 120 veicoli controllati per strade e 10 gli esercizi commerciali passati al setaccio nelle zone del divertimento notturno.

Nel weekend gli agenti del commissariato di Civitavecchia, con la collaborazione della Divisione Amministrativa e Sociale della Questura di Roma, hanno effettuato capillari controlli nei locali di via Duca d’Aosta, zona altamente frequentata durante il periodo estivo e spesso teatro di assembramenti. Al servizio ha partecipato il personale del Reparto Mobile della Polizia di Stato, dell’Ufficio Polizia di Frontiera, della Polizia Stradale e delle pattuglie della Sezione Operativa dell’Ufficio di Gabinetto della Questura.

Sono stati multati i gestori di quattro degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande controllati e, per uno, è stata anche disposta la chiusura immediata, poiché, durante i controlli, scattati attorno alla mezzanotte di venerdì, gli agenti hanno riscontrato numerose irregolarità alle norme per il contenimento del contagio da Covid: i dipendenti non indossavano le mascherine di protezione e all’ingresso del locale non erano affisse le indicazioni, previste dalla legge, dell’obbligo per i clienti di indossare la mascherina, di mantenere il distanziamento e il numero della capienza massima. Il titolare, inoltre, non aveva compilato le schede di sanificazione e disinfestazione Hccp, previste dai protocolli per l’emergenza Covid.

Pertanto, a seguito delle violazioni accertate, al gestore è stata immediatamente notificata la chiusura del locale per cinque giorni e la sospensione immediata dell’attività di somministrazione di cibo e bevande, poiché non potevano essere garantiti i livelli di sicurezza per la prevenzione e contenimento del Covid 19, sia a tutela dei dipendenti che dei clienti. Anche i sei lavoratori, intenti a servire ai tavoli senza mascherina, sono stati sanzionati. Durante la notte altri due locali sono stati sanzionati per non aver rispettato l’ordinanza sindacale sugli orari di emissione della musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *