Il comitato “Noi non ce la beviamo” su Rai 3 in “Buongiorno Regione”

Il comitato Noi non ce la beviamo, nato circa 5 anni fa con lo scopo di affrontare la spinosa questione dell’arsenico presente nell’acqua erogata nel viterbese, e composto da rappresentanti di diversi gruppi e partiti politici, si è occupato successivamente anche della questione della privatizzazione dell’acqua.

A Viterbo, come si sa, il servizio idrico è gestito dalla società Talete, una Società per Azioni che, seppur composta da soci pubblici, opera a tutti gli effetti come una Società commerciale di diritto privato.

Negli ultimi tempi, tuttavia, sembrerebbe che la più nota e più grande Acea si sia offerta di acquistare quote della società di gestione viterbese; anche per “rimediare” alla non trasparenza di bilancio di quest’ultima.

A partire da luglio 2015 il Comitato Non ce la beviamo ha proposto un referendum sulla gestione pubblica del servizio idrico; referendum che, ricordiamolo, era già stato proposto a livello nazionale nel 2011 e nel quale gli italiani si erano nettamente espressi contro la privatizzazione dell’acqua.

Ad ottobre 2015 il Comitato aveva raccolto e consegnato in Comune quasi 3400 firme.

Il Consiglio Comunale, tuttavia, ha atteso il 28 febbraio 2016, termine ultimo per l’indizione del referendum, per discutere se approvarlo o meno. Causandone, di fatto, l’affossamento.

A nulla sono valse le rimostranze della consigliera Chiara Frontini, durante un Consiglio Comunale straordinario in data 7 aprile 2016.

Il 15 e il 19 dicembre 2016 si è svolta la riunione dei sindaci della provincia di Viterbo, durante la quale molti amministratori dei comuni della provincia, si sono schierati a favore della linea del comitato, rigettando la proposta del sindaco Michelini di permettere l’entrata di privati nella gestione del servizio idrico; basandosi anche sulla notizia che, 82 comuni della provincia di Frosinone, compreso il capoluogo, hanno deliberato la risoluzione del contratto con Acea, per disservizi e alti costi.

Durante il presidio del 19 dicembre dinanzi il palazzo della Provincia, presenti alcuni cittadini e i consiglieri comunali Chiara Frontini (Viterbo2020) e Gianluca De Dominicis (Movimento 5 stelle), il sindaco Michelini si era rivolto ai cittadini con la frase:

“Non dite cazzate!”.

La questione è stata tuttavia rimandata a gennaio 2017.

Nella mattinata del 9 gennaio 2017, presso la sede dell’USB, i giornalisti di Rai 3 hanno intervistato alcuni componenti del Comitato Non ce la beviamo, tra cui Paola Celletti, Francesco Lombardi, Daniele Cairo e la consigliera comunale Chiara Frontini (Viterbo2020) per un servizio che andrà in onda nei prossimi giorni nel corso della trasmissione Buongiorno Regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *